Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Siamo felici di potervi comunicare la prima parte della stagione

DIVERTIAMOCI A TEATRO

Torna in scena al Nuovo la fortunata rassegna DIVERTIAMOCI A TEATRO. È la sua ventitreesima edizione. Quattro gli spettacoli di una prima tranche in programma nel 2021. A seguire una seconda tranche nei primi mesi del 2022. Tra i protagonisti di questa prima parte Gioele Dix, Chiara Francini, Alessandro Federico, Paola Quattrini, Maurizio Micheli e Debora Caprioglio.

 

VERONA – Alla fine il miracolo c’è stato: quello di fare ripartire Divertiamoci a teatro. Non solo per l’impegno richiesto dalle norme di sicurezza antiCovid-19. Impegnativo è stato anche incastrare le date e agevolare il più possibile gli attori che in alcune date saranno in scena due volte nello stesso giorno: alle 16.00 e alle 21.00: la cosiddetta “doppia” in uso nei tempi andati e tornata in auge col Covid-19. A conferma che per la ripartenza è necessario il contributo di tutti: dal pubblico agli attori, dalle maestranze tecniche agli operatori delle biglietterie. Quattro gli spettacoli della prima tranche ottobre-dicembre e venti le rappresentazioni distribuite in sedici date. In uno dei quattro giorni di programmazione di ogni spettacolo, ci sarà infatti la doppia rappresentazione. Questo per redistribuire gli abbonamenti su cinque, anziché quattro, turni e rispettare così il distanziamento fisico previsto dalle norme di sicurezza.

«Eccoci (intanto) – dichiara Piermario Vescovo che con questo Divertiamoci a teatro firma artisticamente la sua prima rassegna per lo Stabile di Verona – finalmente e di nuovo con questa “tranche 2021” che propone quattro spettacoli. Il primo, Vorrei essere figlio di un uomo felice, per “attore solo” che è anche autore del testo. Gli altri tre che vedono fortunate e sperimentate commedie costruite su meccanismi di coppia: da Dario Fo e Franca Rame (Coppia aperta quasi spalancata) all’inglese William Russel (Oggi è già domani), dei prossimi ma già lontani anni ottanta del secolo scorso, a un celebre soggetto scritto per il cinema, e per Monica Vitti e Alberto Sordi, da Rodolfo Sonego, che ci riporta ancora un po’ più indietro, alla fine dei sessanta, riproposto nella diversa dimensione dello spettacolo dal vivo. Sulla scena del Teatro Nuovo ci saranno, tra fine ottobre e metà dicembre, Gioele Dix, Chiara Francini, Alessandro Federico, Paola Quattrini, Maurizio Micheli e Debora Caprioglio. Sotto un’etichetta apparentemente semplice, quasi scontata, di richiamo al “divertimento”, diventata consuetudine in ventitré anni per il pubblico veronese, la ripartenza impone oggi, tra non poche difficoltà, in realtà un impegno assai forte. “Divertire”, un significato a cui ovviamente non si fa attenzione, nel senso di “andare altrove” da dove si è soliti, significa dunque oggi, per le abitudini degli ultimi pesanti e cupi tempi, andare a teatro. Ci auguriamo che l’impegno di chi lavora per il teatro sia leggero al nostro pubblico, trasformando in gioiosa condivisione la fatica perché tutto torni ad essere normale. Grazie al sostegno dei nostri sponsor e, naturalmente, alla vicinanza del pubblico, per la volontà di ritorno – conclude Vescovo – a questo appuntamento».

Ringraziamo naturalmente anche la Proprietà del Teatro Nuovo nella persona del Dott. Zeno Poggi, sempre attenta e affezionata alla nostra programmazione e con la quale stiamo realizzando i lavori che permetteranno la sanificazione costante dell’aria in teatro, e che verranno realizzati da N.G.E., azienda specializzata proprio in sanificazione 

A inaugurare la rassegna sarà Gioele Dix con Vorrei essere figlio di un uomo felice, sottotitolo L’Odissea del figlio di Ulisse, ovvero come crescere con un padre lontano. Lo spettacolo, prodotto da Giovit e scritto e interpretato da Dix, sarà in scena mercoledì 27, giovedì 28, venerdì 29 ottobre alle 21.00 e sabato 30 ottobre alle 16.00 e alle 21.00.

Divertente monologo che ruota attorno all’idea della paternità ignorata, perduta, cercata o ritrovata, è una sorta di viaggio che usa come guida l’Odissea toccando liberamente lungo il percorso autori molto amati da Dix e legami con la sua storia familiare.
«All’inizio dell’Odissea – dice Gioele Dix –  Ulisse è assente e lontano. A Itaca, nessuno sa se sia ancora vivo e se mai vi farà ritorno. Persino fra le vette dell’Olimpo regna l’incertezza, e gli dei discutono a lungo sulla sua sorte. Omero, come il più navigato degli sceneggiatori, sceglie di ritardare l’entrata in scena del suo primo attore. E con lui, l’apparizione di personaggi e avvenimenti strabilianti che renderanno indimenticabile il suo viaggio: la maga Circe, il ciclope Polifemo, il canto delle Sirene, la discesa nell’Ade, gli incantesimi della dea Calipso. Tutto accadrà, o meglio, verrà rievocato da Ulisse in una sorta di lungo flashback, dal quinto canto in poi. È forse per questo motivo che i primi quattro canti dell’Odissea sono meno conosciuti e frequentati. Eppure, in essi si racconta di un altro viaggio, meno spettacolare, ma altrettanto determinante: quello del figlio di Ulisse alla ricerca del padre. Un breve, ma intenso romanzo di formazione in cui il figlio del protagonista prova a uscire dall’ombra e imparare a crescere. Telemaco parte da Itaca sulle tracce dell’illustre e ingombrante genitore che non ha mai conosciuto, in un lungo itinerario per mare e per terra fitto di incontri rivelatori, durante il quale il giovane prenderà consapevolezza di sé e del proprio destino. E quando Ulisse e Telemaco finalmente si incontreranno, l’eroe invecchiato e sfiancato da una guerra inutile abbraccerà commosso il giovane uomo cui cedere il suo scettro. La figura di Telemaco incarna dunque la sorte di tutti i figli costretti a combattere per meritarsi – conclude Dix – l’eredità dei propri genitori».

Secondo spettacolo in cartellone (mercoledì 10, giovedì 11, venerdì 12 novembre alle 21.00 e sabato 13 novembre alle 16.00 e alle 21.00) Coppia aperta quasi spalancata di Dario Fo e Franca Rame. Prodotto da Infinito, vedrà in scena Chiara Francini (applauditissima protagonista tre anni fa al Nuovo di Due insieme a Raoul Bova) e Alessandro Federico con la regia di Alessandro Tedeschi.

Andata in scena per la prima volta nell’autunno del 1983 al Ciak di Milano, fu un cavallo di battaglia di Franca Rame al pari di Tutta casa letto e chiesa (1977). Alla base della vicenda una sorta di regola piuttosto impari: “perché la coppia aperta funzioni, deve essere aperta da una parte sola, quella del maschio! Perché… se la coppia aperta è aperta da tutte e due le parti… ci sono le correnti d’aria!”. L’energica Antonia si trova così a incarnare l’eroina perfetta di tutte le mogli tradite e racconta con ironia la loro “sopravvivenza” tra le mura domestiche. Pur di continuare a stare vicino al marito, la protagonista arriverà ad accettare l’impensabile. Soltanto quando nel cuore di Antonia s’insidierà un nuovo uomo, giovane e intelligente, il marito sembrerà accorgersi dell’esistenza della moglie, del suo essere donna, del suo disperato bisogno di essere amata e considerata.

A seguire, Paola Quattrini sarà la protagonista di Oggi è già domani, divertente e pluripremiata commedia dell’inglese Willy Russell del 1986 traslata in film nel 1989 col titolo Shirley Valentine – La mia seconda vita. Con la traduzione di Jaia Fiastri e prodotta da Teatro e Società, sarà riproposta nella storica edizione di Pietro Garinei che firmò la regia della prima messinscena italiana. Di Armando Trovajoli le musiche con canzoni di Serena Autieri. In scena mercoledì 24, giovedì 25, venerdì 26 novembre alle 21.00 e sabato 27 novembre alle 16.00 e alle 21.00.
Protagonista di Oggi è già domani è Dora, una casalinga con un marito distratto e quasi sempre assente, e madre di due figli egoisti che si ricordano di avere una madre soltanto quando hanno bisogno di aiuto. Dotata di inaspettate quanto fantasiose risorse, Dora riesce a vincere la solitudine sfogandosi con un amico che sa ascoltare: il muro della cucina. Al muro, Dora confida sogni, desideri e felici ricordi. Finché un bel giorno pianta la famiglia ingrata e si tuffa in un’esotica avventura partendo per la Grecia. Uno scoglio in riva al mare diventerà il suo nuovo confidente. In questo modo riuscirà a trasformare il suo oggi in un bellissimo domani…

A chiudere questa prima tranche sarà Amore mio aiutami, spettacolo liberamente tratto dal soggetto di Rodolfo Sonego per il film omonimo con Monica Vitti e Alberto Sordi. Con la regia di Renato Giordano, ne saranno protagonisti Debora Caprioglio e Maurizio Micheli, Accanto a loro, Loredana Giordano, Renato Giordano e Antonio Friello. Prodotto da Pirandelliana, Amore mio aiutami si avvale dell’adattamento teatrale di Renato Giordano. Lo spettacolo sarà in scena martedì 7 dicembre alle 21.00, mercoledì 8 dicembre alle 16.00 e 21.00 (doppia dunque il mercoledì) e giovedì 9 e venerdì 10 dicembre alle 21.00. Come il film del 1969 – che vede, accanto ai due protagonisti Monica Vitti e Alberto Sordi che curò anche la regia, Silvano Tranquilli e Ugo Gregoretti – la versione teatrale che ne è stata tratta è la classicissima commedia all’italiana. Giovanni (direttore di banca) e Raffaella formano una coppia affiatata, ma la loro relazione va in crisi allorché lei si innamora del più giovane Valerio, un fisico nucleare. Confidando nella comprensione del marito, che si vanta di essere moderno e razionale, Raffaella chiede il suo aiuto per chiarire i suoi sentimenti. Giovanni, perdutamente innamorato della moglie, mostra comprensione e si adopera nel frattempo per impedire che la moglie cada nelle braccia del nuovo venuto. Tra continui allontanamenti e riavvicinamenti, marito e moglie seguiranno un percorso denso di sorprese ed equivoci tragicomici. Una vicenda basata sull’ostinata e non sempre giusta ricerca della verità a tutti i costi.
Torna dunque a Verona Debora Caprioglio, applaudita interprete di Notte di follia nel 2018 al Nuovo insieme a Corrado Tedeschi che nell’edizione 2019 pre-Covid di Amore mio aiutami era Giovanni.

Acquisto di abbonamenti e biglietti

Il periodo dal 21 settembre al 2 ottobre è riservato agli abbonati della stagione 2019-20 che hanno diritto di prelazione sulla scelta del posto per la nuova stagione. Dati i distanziamenti previsti dalle normative non è possibile garantire la conferma del posto della stagione 2019-20. Tale posto rimarrà però in anagrafica per quando le stagioni teatrali potranno essere organizzate a capienza piena. Per la stagione 2021 la conferma dell’abbonamento comporta una nuova assegnazione del posto scegliendo non tra quattro ma tra cinque turni. Per ovviare alla riduzione di capienza a causa del distanziamento, è stata infatti aggiunta una rappresentazione pomeridiana alle ore 16.00.

Gli abbonamenti sono in vendita al Teatro Nuovo (piazza Viviani 10, tel. 0458006100, da lunedì a sabato, ore 15.30-19.30,) e a Box Office (via Pallone 16, tel. 0458011154, da lunedì a venerdì, ore 9.30-12.30 e 16.00-19.00).

I prezzi degli abbonamenti sono rimasti quelli delle passate stagioni, riproporzionando ovviamente la cifra su quattro titoli. Per il dettaglio consultare il sito www.teatrostabileverona.it.

Il periodo dal 5 al 16 ottobre sarà dedicato ai nuovi abbonamenti, con le stesse modalità e con gli stessi orari alla biglietteria del Teatro Nuovo e a Box Office.

Mercoledì 20 ottobre inizierà infine, sempre alla biglietteria del Teatro Nuovo e a Box Office, la vendita dei biglietti. Dal 20 ottobre sarà anche possibile acquistarli on-line su www.boxol.it/boxofficelive/it.

Per l’acquisto di abbonamenti e di biglietti i voucher potranno essere utilizzati solamente alla biglietteria del Teatro Nuovo.

In ottemperanza ai protocolli previsti per il teatro, per l’accesso agli spettacoli sarà necessario il green pass che sarà controllato all’ingresso, oltre alla temperatura. All’interno del teatro i posti saranno distanziati e a scacchiera, e dovrà essere indossata la mascherina per tutta la permanenza, anche al proprio posto.

Il sipario su DIVERTIAMOCI A TEATRO si apre grazie a

 

Informazioni per gli abbonati della stagione 2019/2020

dal 21 settembre al 2 ottobre

per gli abbonati della stagione 2019/2020

che avranno la prelazione sulla scelta del posto per questa stagione

Dato il distanziamento non sarà infatti possibile garantire la conferma automatica del posto della stagione precedente. Tale posto rimarrà in anagrafica per quando le stagioni teatrali potranno essere organizzate a capienza piena.

Per la stagione 2021 quindi potranno essere scelte serate e settori diversi

Per andare incontro a una distribuzione diversa degli abbonamenti, è stata aggiunta una replica pomeridiana alle ore 16

 

La vendita degli abbonamenti si svolgerà presso:

Teatro Nuovo: dal lunedì al sabato ore 15.30/19.30, – Piazza Viviani 10 Verona, 045 8006100

Box Office: dal lunedì al venerdì 9.30 / 12.30 e 16 / 19 – Via Pallone 16 Verona, 045 8011154

 

Il giorno 21 settembre l’apertura della vendita sarà alle ore 15.30 contemporaneamente sia al Teatro Nuovo che al Box Office

Per evitare assembramenti alle ore 14.30 verranno dati dei numeri per gestire al meglio la coda e l’attesa

informazioni per il Teatro Nuovo:

120 numeri verranno distribuiti il 21 settembre alle ore 14.30, di cui

80 NUMERI VERRANNO SERVITI IL GIORNO STESSO 21 SETTEMBRE DALLE ORE 15.30

40 NUMERI VERRANNO SERVITI LA MATTINA DEL GIORNO 22 SETTEMBRE DALLE ORE 9.30

Ulteriori 80 numeri verranno distribuiti il giorno 22 settembre dalle ore 14.30 E VERRANNO SERVITI IL GIORNO STESSO DALLE ORE 15.30

Una volta ritirato il numero, potrete allontanarvi e ritornare più tardi in base al numero ed in prossimità dello stesso attendere all’esterno il vostro turno

Durante l’attesa vi chiediamo la cortesia di mantenere il distanziamento interpersonale

Intanto vi verrà consegnato un modulo da compilare con i vostri dati e vi chiederemo di compilarlo per ogni persona per cui comprerete l’abbonamento, in modo da aggiornare l’anagrafica di ogni singolo abbonato per potervi contattare più facilmente se ce ne sarà la necessità

 

Dal giorno 23 settembre l’apertura della biglietteria tornerà regolare

Ricordiamo che sarà possibile utilizzare i voucher solamente presso il Teatro Nuovo

Ogni persona potrà acquistare massimo 4 abbonamenti

 

– – – – – – – – – –

Informazioni per i nuovi abbonati

dal 5 al 16 ottobre

nuovi abbonamenti, sempre presso il Teatro Nuovo e il Box Office

 

Il giorno 5 ottobre l’apertura della vendita sarà alle ore 15.30 contemporaneamente sia al Teatro Nuovo che al Box Office

Per evitare assembramenti alle ore 14.30 verranno dati dei numeri per gestire al meglio la coda e l’attesa

 

informazioni per il Teatro Nuovo:

120 numeri verranno distribuiti il 5 ottobre alle ore 14.30, di cui

80 NUMERI VERRANNO SERVITI IL GIORNO STESSO 5 OTTOBRE DALLE ORE 15.30

40 NUMERI VERRANNO SERVITI LA MATTINA DEL GIORNO 6 OTTOBRE DALLE ORE 9.30

 

Ulteriori 80 numeri verranno distribuiti il giorno 6 ottobre dalle ore 14.30 E VERRANNO SERVITI IL GIORNO STESSO DALLE ORE 15.30

 

Una volta ritirato il numero, potrete allontanarvi e ritornare più tardi in base al numero ed in prossimità dello stesso attendere all’esterno il vostro turno

Durante l’attesa vi chiediamo la cortesia di mantenere il distanziamento interpersonale

Nell’attesa vi verrà consegnato un modulo da compilare con i vostri dati e vi chiederemo di compilarlo per ogni persona per cui comprerete l’abbonamento, in modo da aggiornare l’anagrafica di ogni singolo abbonato per potervi contattare più facilmente se ce ne sarà la necessità

 

Dal giorno 7 ottobre l’apertura della biglietteria tornerà regolare

Ricordiamo che sarà possibile utilizzare i voucher solamente presso il Teatro Nuovo

Ogni persona potrà acquistare massimo 4 abbonamenti

 

– – – – – – – – – –

Informazioni per i biglietti

dal 20 ottobre

vendita dei biglietti

I biglietti potranno essere acquistati, sempre presso il Teatro Nuovo e il Box Office,

e anche on-line : https://www.boxol.it/BoxofficeLive/it

 

Il giorno 20 ottobre l’apertura della vendita sarà alle ore 15.30 contemporaneamente sia nelle biglietterie fisiche del Teatro Nuovo e Box Office, sia on-line

Per evitare assembramenti alle ore 14.30 verranno dati dei numeri per gestire al meglio la coda e l’attesa

 

informazioni per il Teatro Nuovo:

120 numeri verranno distribuiti il 20 ottobre alle ore 14.30, di cui

80 NUMERI VERRANNO SERVITI IL GIORNO STESSO 20 OTTOBRE DALLE ORE 15.30

40 NUMERI VERRANNO SERVITI LA MATTINA DEL GIORNO 21 OTTOBRE DALLE ORE 9.30

Ulteriori 80 numeri verranno distribuiti il giorno 21 ottobre dalle ore 14.30 E VERRANNO SERVITI IL GIORNO STESSO DALLE ORE 15.30

 

Dal giorno 22 ottobre l’apertura della biglietteria tornerà regolare

Una volta ritirato il numero, potrete allontanarvi e ritornare più tardi in base al numero ed in prossimità dello stesso attendere all’esterno il vostro turno

Durante l’attesa vi chiediamo la cortesia di mantenere il distanziamento interpersonale

 

Ricordiamo che sarà possibile utilizzare i voucher solamente presso il Teatro Nuovo

Ogni persona potrà acquistare massimo 4 biglietti

 

– – – – – – – – – –

 

In ottemperanza ai protocolli del nostro settore, per l’accesso agli spettacoli sarà necessario il Green Pass che verrà controllato all’ingresso, assieme alla misurazione della temperatura. All’interno del Teatro i posti saranno distanziati e a scacchiera, e dovrà essere indossata la mascherina per tutta la permanenza, anche al posto.

 

– – – – – – – – – –

 

ABBONAMENTI 4 SPETTACOLI

                        intero              ridotto Over65

platea              90.00 €            85 €

balconata        72.50 €            69 €

I galleria         47.50 €            45 €    

II galleria        37.50 €            35 €

 

BIGLIETTI

platea             26 +2 €

balconata        23 + 2 €

I galleria         15 + 1.50€

II galleria        12 + 1.50 €