Scuola di teatro

MATCH D'IMPROVVISAZIONE TEATRALE®

La storia

Anno 1977

Due attori canadesi (Robert Gravel e Yvon Leduc) con precedenti esperienze nel campo dell'improvvisazione creano una nuova formula di spettacolo: il Match di Improvvisazione Teatrale, realizzando l'utopia di una performance completamente improvvisata.

Nato in via sperimentale, il match, viene diffuso per sette anni in diretta televisiva e diventa in Canada un fenomeno nazionale, diffondendosi poi a macchia d'olio in varie parti del mondo. Nascono così le varie ”Leghe di improvvisazione” nazionali, prima nel mondo francofono europeo(Francia, Belgio e Svizzera) e poi nelle altre parti del mondo: Messico, Argentina, Stati Uniti, Spagna, Costa d'Avorio, Zaire, Antille, Guyana, Brasile ecc.

I match sbarcano in Italia nel 1989 a Firenze su iniziativa diFrancesco Burroni, dove viene presentato il primo campionato nazionale. Il progetto si diffonde poi rapidamente in altre città italiane dove vengono attualmente tenuti dei corsi di formazione sul teatro di improvvisazione. Di grande portata la rete di interscambio internazionale. La nazionale italiana di improvvisazione,che ha all’attivo numerose tournées all'estero, ha vinto nel '98 a Lille il campionato del mondo di improvvisazione teatrale FRANCE 98. 

La cornice 

L'ambiente esteriore e scenografico del match è quello di una partita di hockey su ghiaccio (maglie da gioco, “patinoire” ecc.) sport nazionale canadese. Lo spirito è quello di una competizione artistico/sportiva fra due squadre di giocatori/attori che si contendono la vittoria in 90 minuti di “gioco” divisi in due tempi. Un maestro di cerimonia illustra al pubblico le varie fasi dello spettacolo, un musicista scalda la platea e fa salire la tensione sul palco, un inflessibile arbitro garantisce la qualità e la correttezza dell'incontro.

 

Lo spettacolo 

Dopo il “riscaldamento” pubblico, la presentazione dei giocatori e l'intonazione dell'inno ufficiale (pubblico in piedi e mano sul cuore), un fischio di sirena segna l'inizio dell'incontro.

L'arbitro estrae a sorte di volta in volta un cartoncino, che legge ad alta voce, con le seguenti indicazioni: 

  • Tipo di improvvisazione: ciò comparata se le squadre dovranno improvvisare in successione, o mista se dovranno improvvisare insieme. 
  • Titolo dell'improvvisazione: rigorosamente sconosciuto ai giocatori ed eventualmente proposto anche dal pubblico mediante cartoncini distribuiti in sala. 
  • Numero dei giocatori: illimitato o imposto (ad esempio uno per squadra, due donne dei “rossi” e due uomini dei “blu” ecc.).
  • Categoria dell'improvvisazione: cioè lo stile che può essere libero oppure cantato, in rima, senza parole o ancora alla maniera di Goldoni, Shakespeare, Spielberg, Fellini, De Amicis, Manzoni o anche delle soap opera, dei cartoni animati giapponesi...
  • Durata dell'improvvisazione: da 30 secondi a 20 minuti. Dopo la lettura del tema le squadre hanno soltanto 20 secondi di tempo per trovare un'idea di partenza e lanciarsi nella “mischia”. Alla fine di ogni improvvisazione l'arbitro può segnalare dei “falli”, vale a dire degli errori di tecnica teatrale (ad esempio: fuori tema, mancanza d'ascolto, cliché…) ed i capitani delle squadre possono chiedere spiegazioni creando un ulteriore momento di spettacolo.

Il pubblico 

È in fondo il vero protagonista della serata: è infatti lui che suggerisce dei temi all'arbitro, che vota dopo ogni improvvisazione per l'una o per l'altra squadra per mezzo di un cartoncino bicolore determinando l'andamento del match e che può addirittura esprimere il proprio dissenso lanciando una ciabatta che gli viene fornita all'ingresso. Il match è uno spettacolo dove vengono esaltate la creatività, la fantasia e la prontezza di spirito di artisti che sulla scena sono allo stesso tempo e nel medesimo istante attori/autori/registi e la concreta partecipazione del pubblico che assisterà ogni volta ad una serata completamente diversa e ovviamente irripetibile.

Match di improvvisazione teatrale ® : tutti i diriti riservati “Les editions Gravel-Leduc” per l’Italia Francesco Burroni

Per informazioni e iscrizioni:

Teatro Stabile Verona – Scuola di Teatro 
Lunedì - Venerdì ore 14.30-18.30 (ingresso artisti, Piazza Viviani 10b)
Tel. 045 800 61 00
e-mail: scuolateatro@teatrostabileverona.it

Calendario

Location per i tuoi eventi

Teatro Nuovo Verona Piccolo Teatro di Giulietta Terrazza di Giulietta Alcione

Partner

Partners